L’integrazione del rel=author permette di aumentare il trust dei propri siti?

Ultimamente è diventato sempre più importante collaborare con Google per avere dei piccoli privilegi nelle serp, da quando è stato introdotto il rel=”author” Google vuole verificare la paternità dei contenuti in modo da dare più fiducia agli utenti verificati. Quando si sente parlare di rel autor si cita anche il termine “Rich Snippets”, si tratta di informazioni aggiuntive che verranno mostrate nei risultati delle serp, ma chi fornisce queste informazioni ai motori di ricerca? Ovviamente le forniamo noi stessi facendo interagire Google plus con i nostri siti web.

Mi sembra un pò una forzatura fornire alcuni dati personali, inoltre si tratta di soluzioni un pò laboriose, e per un blogger che è già straimpegnato è davvero una rottura di scatole. Intanto da questo possiamo immaginare quanto sia importante per Google puntare sul trust degli autori, ed ovviamente dei loro contenuti. Tramite il social network Google plus è possibile fornire a Google diversi dati, un pò come avviene in Facebook, quindi per un discorso di pertinenza con i vostri siti consiglio di inserire in Google plus quanti più dettagli possibili circa la vostra attività, collegando anche i vari account tra cui quelli di Facebook, Twitter, Linkedin, ecc. Se riuscite ad interagire abbastanza bene con i vostri utenti all’interno dei social network, perchè non fornire i dati a Google? Magari Google premia i proprietari dei siti che hanno una buona interazione con i propri utenti. Infatti tutto si sta spostando sulle attività sociali. Intanto non dimenticate di inserire i link dei vostri siti e dei social network in cui siete iscritti.

Come inserire in Google plus i social network in cui si è iscritti?

Per fare questo dovete entrare in Google plus, cliccare su informazioni ed inserire in altri profili tutte le url dei vostri profili presenti nei vari social network. Io ad esempio ho inserire l’url del mio accont di Facebook, Twitter, Linkedin, ecc. proprio come potete vedere nell’immagine in alto. Ricordate anche di inserire nel vostro profilo solo informazioni veritiere ed un immagine reale della vostra persona, altrimenti Google potrebbe sospendere il vostro account. Io l’ho già fatto, e mi sono chiesto, dato che Google adesso è certo che gli account che ho sui vari social network sono effettivamente miei, chissà se non offre un valore aggiuntivo all’interazione che ho con i miei utenti (fans, follower, ecc,) su Facebook, Twitter, e altri social media.

Dopo aver inserito tutti i dettagli è importante indicare a Google plus quali sono i siti / contenuti che ci appartengono. Esistono 2 modi per fare questo:

– Se utilizzate wordpress esistono dei plugin che vi semplificano la vita, tra questi vorrei segnalare il plugin Authorsure.

– Altrimenti se siete più smanettoni potete fare tutto manualmente – ecco una bella guida