Quanto conta l’anchor text nei link dopo l’arrivo di Google penguin?

Nel 2009 SEOmoz pubblicò un articolo sui fattori più importanti per il posizionamento di un sito web nei motori di ricerca. Intanto oggi voglio snobbare i vari fattori più importanti e voglio concentrarmi su uno di questi fattori importanti che dal giorno in cui è stato annunciato Google Penguin, molti seo fanno confusione a capire se è un fattore ancora importante o no. Parlo dell’anchor text dei link esterni che puntano verso il nostro sito.

Come saprete un link è migliore in base:

– Alla qualità del sito che ci linka
– Alla pagina che ci linka
– All’attinenza di chi ci linka

Ma sopratutto in passato chi voleva spingere il proprio sito per una parola chiave in particolare, cercava di ottenere dei link che per la maggiorparte delle volte includeva come testo ancora sempre la solita o le solite 2 o 3 parole chiave di proprio interesse. Da aprile di questo 2012 con Google Penguin le cose sono cambiate, dato che l’anchor text era uno dei fattori più fondamentali per il posizionamento di un sito web, i seo hanno abusato di questa tecnica che Google non ha mai punito, neanche in casi di sovraottimizzazioni eccessive. Adesso improvvisamente Google è diventato abbastanza rigido, infatti ci sono casi di siti autorevoli che per una semplice questione di sovraottimizzazione delle anchor text sono stati penalizzati gravemente, perdendo addirittura più del 50% del traffico.

Quindi le anchor text sono ancora utili per i fini seo?

Secondo voi questo segnale che è stato tanto importante per Google per capire l’attinenza tra link e sito linkato può perdere così improvvisamente il suo valore? Io dico proprio di no, rimane ancora adesso un fattore molto importante, più che altro bisogna stare attenti a rendere i backlink naturali. Quindi non bisogna farsi linkare troppe volte con la stessa parola chiave. Per stare tranquilli io su 100 link in entrata da domini unici, non mi farei linkare più di 20 volte con a stessa parola chiave. Inoltre per dare a Google un impressione  naturale dei link che si ricevono bisogna farsi linkare sottoforma di:

– Immagine
– Parola chiave di proprio interesse
– Url del proprio sito
– Un mix tra Nofollow e Dofollow
– Link insignificanti tipo, clicca qui, vedi li, vieni qui hihihi.

Altre cose che Google prende in considerazione sono:

– Il testo intorno al link che ricevete
– Il posizionamento di un link, ( sè presente nel footer oppure nella sidebars passa meno valore rispetto ad un link in mezzo al testo di un post/pagina)
– L’anchor text esatto offre un valore aggiuntivo rispetto ad un anchot text allungato (che ne diminuisce il valore a causa dell’aumento di parole in più contenute)
– Le anchor text generiche, è utile ottenere anche una piccola percentuale di anchor text generiche
– L’anchor text del brand, è buona norma farsi linkare con le parole chiave del proprio nome di dominio

Dovete rendere naturale il vostro modo di ottenere i link in tutto e per tutto, ad esempio non credo che sia una buona idea ottenere solo e soltanto link da siti di qualità, e buono riceverne anche una piccola parte da siti di bassa qualità. Insomma vogliamo ingannare Google o no?

Inoltre un link ha più valore se proviene da un contenuto originae, o meglio ancora da un sito che scrive solo contenuti originali e che piacciono agli utenti. Intanto per ottenere dei link di qualità bisogna scrivere dei bei contenuti, sopratutto conta l’immagine che date agli utenti, se gli utenti vi stimano e vi reputano dei guru del settore, sicuramente quelli che possiedono un blog o sito potrebbero prendere in considerazione l’idea di linkare il vostro sito o uno dei vostri articoli. Intanto ci sono 2 modi per ottenere dei buoni link naturali.

Ricordate che è inutile cercare di ricevere dalla stessa pagina di un sito, più link che conducono alla sessa pagina, Google prenderà in considerazione solo il primo link che trova, ovvero quello che si trova più in alto in una pagina o articolo.

Altri fattori importanti per il posizionamento del nostro sito su determinate parole chiave sono: 

  1. Le keyword presenti nel Titolo
  2. Le prime keyword messe nel Titolo
  3. Le keyword del nome di dominio
  4. Le keyword utilizzate nell’intestazione di primo livello (H1)
  5. Le keyword presenti nel testo selezionato dei link interni
  6. Le keyword presenti nel testo selezionato dei link esterni