Come inserire il nofollow nei blog WordPress? perché non sono più efficaci le tecniche di link sculpting?

Il nofollow è un attributo HTML che indica ai motori di ricerca di non prendere in considerazione un determinato link. In questo modo non viene trasferito valore al link, questo valore che viene passato in assenza dell’attributo nofollow è utile sopratutto per il posizionamento nei motori di ricerca. Il nofollow è molto importante, possiamo utilizzarlo per dire a google di non seguire dei link presenti nel nostro sito che potrebbero essere poco affidabili, (link spam, di siti porno ecc.). Linkando dei siti spam o di bassa qualità si può incorrere in qualche penalizzazione nei motori di ricerca, con conseguente perdita di posizionamento nelle serp. I link senza l’attributo nofollow ricevono del valore utile per il posizionamento nei motori di ricerca. Quindi grazie al nofollow possiamo permetterci di non passare del valore ad un sito esterno, ma anche a delle nostre pagine interne.

In passato gli esperti seo utilizzavano la tecnica del link sculpting che consisteva nel mettere il nofollow ad alcune pagine poco interessanti come ad esempio la pagina relativa ai contatti o chi siamo, a favore di altre pagine più interessanti e magari più utili per gli utenti. Dato che questi webmaster snaturavano gli algoritmi di Google, Matt Cutts (ingegnere di Google) cambiò alcuni algoritmi del motore di ricerca rendendo questa pratica assolutamente dannosa.

Vi faccio un esempio, Google assegna un valore a ogni pagina in base alla sua rilevanza. Ipotizziamo che questo valore sia 100 e che all’interno di una pagina ci siano 5 link di testo. Per ciascun link verranno assegnati 20 punti (100:5). Se si inserisce l’attributo nofollow ad uno di questi link, non gli viene passato alcun valore. Ad esempio facciamo finta che 2 dei 5 link abbiano l’attributo nofollow,  quindi mentre per gli altri 3 link (senza nofollow) viene assegnato un valore di 20 punti, per i due link con nofollow non verrà trasferito alcun valore. Quindi con questo nuovo algoritmo Google non dividerà il valore 100 per i 3 link, ma continuerà a dividere il valore 100 per 5 link, assegnando 20 punti a ciascuno dei 3 link, mentre 40 punti andranno perduti. In passato questi 40 punti tolti ai 2 link a causa del nofollow sarebbero stati divisi ai 3 link senza il nofollow, ma proprio per evitare le tecniche di link sculpting, adesso non è più possibile.

WordPress di default presenta l’attributo nofollow per i link all’interno dell’area commenti. Non si sà come questi possano influire sugli altri link. Questo sarebbe contro ogni logica dato che in presenza di più link nell’area commenti, sminuirebbero un bel pò di valore tutti gli altri link. Sicuramente Google avrà valutato attentamente anche questa situazioni e simili.