L’attività sui social media può migliorare il posizionamento di un sito web in Google?

L’attività sui social media può migliorare il posizionamento di un sito web in Google? Nella seo in questi ultimi tempi sono cambiate diverse cose, prima eravamo abituati ad ottenere tanti link in entrata, dato che si trattava del fattore più determinante per scalare le serp in google. Oggi invece i motori di ricerca danno importanza alle attività sociali degli utenti. Quindi se un sito o contenuto viene condiviso, twittato o piace agli utenti dei vari social network acquisisce un maggior valore. Ho voluto fare dei test, aprendo contemporaneamente più siti con le stesse tematiche. Grazie alla collaborazione di altri utenti ho avuto modo di confrontare quanto influiscono le attività sociali. Per gni sito ho attuato una diversa strategia.

Nel primo sito: ho fatto aumentare i follower della sua pagina su google plus, ottenendo 100 follower.
Risultato: ho guadagno circa 20 posizioni in Google.

Nel secondo sito: ho fatto aumentare i voti su Google plus ottenendo 400 +1
Risultato: sono riuscito a scalare 15 posizioni su Google.

Nel terzo sito: ho fatto condividere il sito su facebook, ottenendo 100 condivisioni al sito e 50 mi piace alla pagina fans.
Risultato: Ho guadagno 10 posizioni in Google.

Nel terzo sito: ho ottenuto circa 100 tweet e retweet 
Risultato: Ho guadagnato 4 posizioni

Nel quarto sito: Non ho compiuto nessun azione nei social network
Risultato: perdita di 2 posizioni in Google.

Anche se questo è un piccolo test, magari anche poco preciso, possiamo capire comunque che le azioni che gli utenti svolgono nei motori di ricerca sono molto importanti. Inoltre le azioni svolte nel social Google plus sono più efficaci di quelle di altri social network.